Otite

Che cos’è l’otite?

L’otite è un’infiammazione che colpisce l’orecchio, solitamente a causa di funghi, di un’infezione virale o di batteri e può colpire la zona interna che comprende ossicini e timpano oppure il canale uditivo esterno.

Quali sono i sintomi dell’otite?

Quando sei affetto da otite esterna avvertirai dolore all’orecchio e lo sentirai anche premendo sul padiglione percependo, inoltre, una ridotta capacità uditiva. Se l’infezione è causata da funghi, noterai delle secrezioni e sentirai prurito lungo il canale uditivo. L’otite media è più seria, perché oltre al dolore e alla riduzione dell’udito, patirai la sensazione di avere "l’orecchio pieno". Potresti essere affetto da febbre e talvolta verificherai la fuoriuscita di pus dal colore variabile. Questa forma può diventare grave, al punto da deformare o perforare il timpano.

Otite esterna

Questa forma colpisce il canale uditivo esterno, talvolta colpendo la membrana timpanica. È nota come otite del nuotatore perché colpisce proprio questi sportivi e chi va spesso al mare o al fiume, sebbene chiunque possa esserne colpito. Il prolungato contatto con l’acqua può generare la proliferazione di tossine liberate dai microrganismi che si trovano nel liquido o di agenti batterici. L’otite esterna colpisce persone predisposte come gli immunodepressi e possono esserne affetti anche soggetti che hanno subito traumi o a causa di eccessiva sudorazione.

Otite interna

È nota come “labirintite” e si tratta di un’infiammazione che coinvolge gli organi sensoriali situati nell’orecchio interno, i quali devono regolare l’udito e l’equilibrio. Può essere causata da infezioni batteriche, meningite, stress estremo o forti reazioni allergiche a farmaci o ad altre sostanze. Chi ne è affetto patisce una violenta vertigine, unitamente a ansia, squilibrio, nausea, giramenti del capo, acufene e perdita dell’udito.

Quali sono le cause dell’otite?

L’infezione può variare da otite esterna a quella interna. L’otite esterna può essere causata dal fatto che sei venuto a contatto con dell’acqua contaminata da funghi o batteri, a causa di un'allergia, di virus erpetici o di dermatite seborroica, perché hai usato sostante irritanti come alcuni shampoo o tappi. Infine, perché hai delle micro-lesioni epiteliali del condotto uditivo, causate magari dall’uso maldestro di un cotton fioc, dalla presenza di corpi estranei o di foruncoli. L’otite media compare a causa di complicanze dovute a potenziali infezioni delle vie aeree superiori come raffreddore o faringite o a causa di batteri e virus: è una conseguenza delle penetrazione di germi attraverso la tuba di Eustachio nell’orecchio medio. Questa otite causata anche da allergia come rinite allergica o per l'ingrossamento delle adenoidi colpisce quindi naso e gola e ostruendo la tuba di Eustachio.

L’otite nei bambini

L’otite è molto diffusa tra i bambini e l’80% di quelli fino a 10 anni ha avuto l’otite e principalmente nei primi tre anni di vita. Le cause sono legate a infezioni alle vie respiratorie, quando la tuba di Eustachio si ottura generando secrezioni dentro l’orecchio e dando vita a colonie di virus, funghi e batteri. L’infezione può essere dovuta anche a lesioni da grattamento e ad allergie locali. Uno dei sintomi è il dolore all’orecchio che è anche avvertito come tappato con conseguente una riduzione dell’udito. Nei bambini compare spesso la febbre, unita a stanchezza e malessere generale. Il bambino tenderà a toccare l'orecchio dolente con una mano e a piangere: è importante rivolgersi subito al medico.

Come curare l’otite

Le gocce emollienti da applicare all’interno dell’orecchio aiutano a velocizzare il processo di guarigione, sebbene sia sempre meglio applicarle solo dopo aver sentito il medico. Tra i rimedi naturali, è possibile applicare olio di oliva, di arachide, di mandorle dolci, di vaselina. L’olio di ylang ylang è anche antisettico e quelli di macassar e di neem sono antinfiammatori e antiparassitari. I farmaci che il medico prescriverà sono soprattutto il paracetamolo, l’ibuprofene, l’acido acetilsalicilico, l’idrocortisone e gli anestetici locali. Potrà consigliare anche una terapia antibiotica da applicare localmente o per assunzione orale: se l’otite non risponderà ai farmaci, potrebbe essere necessario l’intervento del chirurgo per drenare l’accumulo del liquido e per aspirare il cerume.

Quale trattamento consigliamo per l’otite

Per alleviare dolore e fastidio potresti applicare sull’orecchio degli impacchi caldi, ma una volta accertata l’otite virale o batterica, dovrai fare la terapia antibiotica prescritta dal medico. Ecco alcuni consigli specifici:

  • dopo una nuotata o un bagno caldo, asciuga bene l’orecchio, con un panno
  • durante il sonno usa la testiera leggermente sollevata, per favorire lo svuotamento delle tube di Eustachio
  • cerca di bere molti liquidi e deglutisci spesso per agevolare lo svuotamento delle tube di Eustachio
  • applica delle gocce emollienti per le orecchie onde evitare la formazione di tappi di cerume

Quando rivolgersi al medico?

Quando i sintomi non si risolvono con i trattamenti domestici nel giro di qualche giorno o se per caso verificherai l’insorgere di febbre, dovrai rivolgerti al medico per avere una diagnosi.

Scopri i nostri prodotti per l'Otite

No products at this time