Mal di stomaco

Che cos'è il mal di stomaco

Quale disturbo viene normalmente definito come "mal di stomaco"? Con tale termine si fa riferimento a episodi, più o meno frequenti a seconda dei casi, di bruciore, gonfiore o fitte allo stomaco, senso di pesantezza e difficoltà a digerire.

Quali sono i sintomi del mal di stomaco?

Le cause del mal di stomaco sono numerosissime. A quanto già indicato nelle precedenti righe si aggiungono nausea, vomito, gorgoglii gastrici, meteorismo, crampi allo stomaco e dolore sordo e continuo. Il mal di stomaco di natura organica, invece, individua in una malattia la causa scatenante. Le più comuni? Gastrite (dovuta sia a una produzione eccessiva di succhi gastrici acidi che agli effetti irritanti di alcuni farmaci), ulcera gastrica, reflusso gastroesofageo, ernia iatale e infezione provocata dall'Helicobacter pylori, un batterio che ha proprio nello stomaco il suo habitat naturale. Sei soggetto spesso a mal di stomaco, e quanto appena letto ha aumentato le tue preoccupazioni? Tieni comunque presente che il disturbo può fare la sua comparsa anche dopo un pasto eccessivamente abbondante, o è associato a uno stile di vita poco sano. 

Come prevenire il mal di stomaco?

È possibile prevenirlo? La risposta non può che essere positiva. Prova a limitare il consumo di caffè e di bevande che contengono caffeina, di succhi a base di agrumi e di cibi fritti, o troppo grassi. Anche il pomodoro (soprattutto se non si ha l'accortezza di eliminarne i semi) è in grado di favorire la produzione di acido. Sostituisci piatti elaborati con altri più leggeri e avari di condimenti, a beneficiarne sarà lo svuotamento gastrico. Un'abitudine piuttosto diffusa è il consumo di gomme da masticare: la continua masticazione agisce da stimolo alla produzione di acidi, e porta il saccarosio contenuto nelle chewing gum a fermentare, aumentando la quantità di aria all'interno dello stomaco. Prediligi piccoli pasti nell'arco della giornata per facilitare la digestione e ricorda la cena dovrebbe essere alquanto frugale.

Come curare il mal di stomaco?

Se adottare uno stile di vita più salutare non è stato sufficiente a risolvere i tuoi problemi di mal di stomaco, prima di ricorrere ai farmaci da banco potresti indirizzarti verso alcuni rimedi naturali e, come tali, privi di controindicazioni. Una tisana a base di anice, finocchio, menta o liquirizia, ma anche una semplice camomilla calda con del limone (o zenzero) e un cucchiaino di miele ha effetti rilassanti sullo stomaco. Al mattino, appena sveglio, e la sera, prima di coricarti, sarà un bicchiere di acqua tiepida con l'aggiunta di poche gocce di limone a regolarizzare l'intestino. Sul mercato esistono diversi prodotti fitoterapici (come tisane e sotto forma di gocce) indicati a chi ha difficoltà a digerire, o tende a soffrire di pesantezza. 

Quando rivolgersi al medico?

Nella maggior parte dei casi il mal di stomaco è di natura passeggera, tanto da risolversi con la somministrazione di un farmaco da banco. Ad ogni modo, quando la frequenza inizia ad aumentare progressivamente, o in presenza di sintomi particolarmente intensi, il parere di un medico è fondamentale. Sarà proprio lui a suggerirti esami del sangue e, qualora sia necessario, a proporre opportune indagini strumentali, dalla gastroscopia all'ecografia all'addome.