Laringite

Che cos'è la laringite?

Quando si parla di laringite ci si riferisce specificatamente all’infiammazione della laringe. Come forse già saprai, la laringe è uno degli elementi che vanno a comporre le tue vie respiratorie superiori, si trova appena sopra la trachea e ha la forma di un cilindro cavo. Essa è costituita da muscoli, cartilagine e legamenti che, insieme, consentono alle corde vocali di muoversi. In caso di laringite anche queste ultime vengono coinvolte e spesso si infiammano, causandoti dolore e impedendoti a volte di parlare.

Tra i sintomi più comuni trovi:

  • mal di gola
  • difficoltà respiratorie di varia natura
  • abbassamento o perdita della voce
  • tosse secca

La laringite può manifestarsi nella sua forma acuta, quindi comparire improvvisamente e poi sparire, oppure in quella cronica, ossia che tende a ripresentarsi periodicamente.

Quali sono le cause della laringite?

In base alla tipologia di laringite esistono cause differenti. Ad esempio, la forma cronica si può svilupparsi in seguito a:

  • uso eccessivo di alcol
  • inalazione di fumo, sostanze tossiche, polveri e sostanze irritanti
  • infezioni fungine
  • MRGE o malattia da reflusso gastroesofageo
  • sinusite cronica
  • cancro
  • allergie e relativo utilizzo di inalatori

La forma acuta invece può comparire a causa di:

  • infezioni virali, molto comuni, date da rhinovirus, adenovirus, coronavirus, virus dell’influenza, parainfluenza etc..
  • infezioni batteriche, più rare, ad esempio dell’Hib (Haemophylus influenzae di tipo b)
  • sforzi vocali di grande entità
  • malattie esantematiche, come ad esempio varicella e morbillo

La laringite si cura (anche) con gli antimicotici

Come detto, la laringite il più delle volte è di origine virale, tuttavia capita che la causa scatenante sia riconducibile a un batterio o a un fungo. In questi casi è perciò consigliata la terapia a base di antibiotici o antimicotici, naturalmente dopo attente valutazioni eseguite dal tuo medico curante. Nel caso non si riesca ad individuare con certezza il “responsabile dell’attacco”, si può puntare su farmaci a largo spettro, come ad esempio antimicotici, Ketec (telitromicina) e Macladim (claritromicina)

Quale trattamento consigliamo?

Devi sapere che molte laringiti di origine virale tendono a guarire in modo spontaneo nel giro di una settimana, senza bisogno di specifici trattamenti. In questi casi il consiglio è quello di parlare poco e possibilmente a bassa voce, in modo da non sforzare eccessivamente la porzione infiammata e le corde vocali. Inoltre:

  • evita il fumo, sia attivo che passivo
  • bevi molta acqua, utile per idratare i tessuti colpiti dall'infiammazione ed evitare la secchezza

Il tuo medico potrebbe inoltre consigliarti di assumere:

  • antinfiammatori, come l’ibuprofene, per contrastare i dolori alla testa e alla gola
  • inibitori della pompa protonica o antiacidi, nel caso in cui la laringite dipenda dal reflusso gastroesofageo
  • antistaminici, quando l’origine della patologia è di tipo allergico

Quando rivolgersi al medico?

Nel caso in cui, dopo una settimana, non dovessi riscontrare miglioramenti significativi, il consiglio è quello di consultare subito il tuo medico di base. Egli valuterà la tua condizione, cercando di diagnosticare un’eventuale laringite cronica e indirizzandoti verso uno specialista nella cura delle patologie che interessano bocca, naso e orecchio, ossia un otorinolaringoiatra.

Scopri i nostri prodotti per la Laringite