Calli ai piedi

Che cosa sono i calli ai piedi?

La parola "callo" è utilizzata per indicare degli ispessimenti della pelle (in ambio medico noti come ipercheratosi) che colpiscono determinate zone del corpo, mani e piedi in primis. Non a caso si tratta delle parti maggiormente soggette a sfregamenti, pressioni e attriti. Ignorare la presenza di uno o più calli può portare a manifestazioni dolorose intense, destinate a influire sul modo di camminare. Spesso i calli vengono confusi con i duroni. In realtà, pur condividendo alcune caratteristiche, i primi tendono a formarsi sulla pianta del piede e tra le dita (o sulle stesse) a causa di una pressione eccessiva provocata da scarpe troppo larghe (o, viceversa, troppo strette). I duroni, oltre a essere più grandi dei calli, fanno la loro comparsa sotto la pianta del piede e del tallone, o alla base delle dita, per la pressione esercitata dal corpo. In questo caso è la postura a recitare un ruolo cardine.

Quali sono i sintomi dei calli ai piedi?

Sono molte le persone ad accorgersi in ritardo di avere un problema di calli. Questo accade perché in diversi casi il disturbo è asintomatico. Ad ogni modo i sintomi più diffusi sono la presenza di pelle ruvida, dura e arrossata, o tendente a sfaldarsi con facilità.

Quali sono i rimedi?

Intervenendo nelle fasi iniziali eviterai al callo di radicarsi, e impedirai alla pelle di divenire sempre più rigida, provocando inevitabilmente dolore. Il primo passo da compiere consiste nel ricorrere a un pediluvio, cui farà seguito un trattamento callifugo. Sarai libera di scegliere se applicare una crema o un liquido, ottenendo in entrambi i casi dei rapidi miglioramenti. Efficaci, soprattutto quando si ha a che fare con calli "giovani", sono anche la pietra pomice e alcuni attrezzi realizzati specificamente per la rimozione delle callosità. Se hai deciso di affidarti a uno dei due rimedi appena indicati ricordati di applicare una crema protettiva terminato il trattamento, .

Quale trattamento consigliamo?

Un buon metodo per migliorare rapidamente la situazione, consiste nell'acquistare dei cuscinetti di protezione. Qual è la loro funzione? Tutelare il callo (ma possono essere utilizzati anche per i duroni) da compressione e sfregamento eccessivi.

Quando rivolgersi al medico?

Se hai provato ad adottare uno o più trattamenti tra quelli indicati finora, ma la situazione sta migliorando molto lento lentamente, o non hai notato alcun segnale positivo, sarà sicuramente utile rivolgersi al medico di famiglia, oppure contattare direttamente un estetista o un podologo.

Quali buone abitudini adottare?

Dell'utilità dei pediluvi abbiamo già parlato in precedenza. Ma anche massaggi effettuati giornalmente con creme specifiche possono essere di grande aiuto. Una volta ogni 2 settimane potresti concederti degli idromassaggi plantari. Fondamentale è curare l'igiene dei piedi. Pertanto, terminato di lavarli asciugali con cura e applica una crema idratante e nutriente: la tua pelle ritroverà la morbidezza e l'elasticità perdute. Fai in modo che nel tuo cassetto prevalgano calzini in materiali naturali come il cotone, garanzia di una perfetta traspirazione. Per quanto concerne le scarpe via libera a cuoio, pelle e iuta, e pollice verso per i materiali plastici.

Scopri i nostri prodotti per i Calli ai Piedi